VINTAGE PUBBLICITA’

– SPOT CHE OGGI SAREBBERO VIETATI –

Le generazioni precedenti ed io eravamo abituati a certe campagne pubblicitarie che evidentemente erano adeguate per la cultura e la società di quel periodo. Ma, se alle nuove generazioni capita di vederle, alcune pubblicità potrebbero lasciarli esterrefatti.

Le prime pubblicità che mi vengono in mente e che oggigiorno palesemente appaiono controcorrente, sono quelle relative alle sigarette o che invogliavano al tabagismo. Dopo tutte le campagne antifumo ed i giusti divieti imposti verso il fumo, oggi sebbene la pubblicità delle sigarette è vietata in molte nazioni, essa provocherebbe solo astio e dure critiche. Eppure, se si guardano questi vecchi manifesti pubblicitari, ci si rende conto che, meno di 30 anni fa, il fumare era uno status symbol, e spesso erano gli stessi monopoli di Sato a pubblicizzare le sigarette guadagnando milioni con la loro vendita, così come avveniva in Italia.
Chi non ricorda Humphrey Bogart in Casablanca?
Così come in tanti altri vintage film Hollywoodiani, la sigaretta diventava un “accessorio” indispensabile, un simbolo a volte perfino sessuale che riempiva e rafforzava l’interpretazione o la scena.

vintage-ads-that-would-be-banned-today-7

Sebbene io non sono un antifemminista ma per la parità dei diritti, una pubblicità in cui una donna appare come mamma o casalinga, non dovrebbe scandalizzare poi così tanto. Ma, in effetti, un’altra tipologia di pubblicità che risulta anacronistica e provocatoria è quella legata alla donna-oggetto o che relega la donna al solo ruolo di mamma e casalinga. Eppure, di campagne pubblicitarie sessiste in passato ce ne sono state parecchie. Come noterete, in alcune di queste pubblicità si istiga perfino alla violenza.

Non vi meravigliate se questi spot sono chiaramente razzisti, anche se a noi Italiani sembra assurdo che sia esistita tale tipologia di pubblicità

In questi manifesti pubblicitari i segnali sessuali sono evidenti.

In altre pubblicità si è fatto ricorso a bambini e adolescenti per reclamizzare prodotti per adulti, mentre alcune di esse sarebbero oggi tacciate di sessualizzazione dei minori.

41KHr5Z 59Dv7T2
enhanced-buzz-19070-1342791271-4 enhanced-buzz-12336-1379598746-26 enhanced-buzz-13625-1379599242-26 no4c nANXA4E
u9macAM enhanced-buzz-30174-1379439739-19
enhanced-buzz-7821-1379449992-6

.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Prodotti & Pubblicità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...