DCA –

DISTURBI ALIMENTARI

I disturbi alimentari (DCA) sono in aumento, soprattutto tra le donne, e non solo tra gli adolescenti, perché oggi anche le quarantenni inseguono un modello stereotipato di bellezza, con l’illusione di fermare il tempo e di trovare un corpo più sexy.
In Italia, questo problema colpisce il 5% delle donne e diventa un problema sociale.
Eppure, la morte di Isabelle Caro, la modella francese che fece scandalo per le sue foto per una campagna contro l’anoressia, dovrebbe servire da monito.
In Italia, circa l’0,8% della popolazione soffre di anoressia, ma una percentuale molto maggiore soffre di disturbi alimentari, di cui 9 su 10 sono donne.
La vera anoressia porta le donne ad eccitarsi per la loro magrezza, da mantenere a tutti i costi fino a diventare digiuno-dipendenti. Il passo successivo è la bulimia, una condizione peggiore, perché non si tratta di magrezza che può portare alla morte, ma della cattiva e continua abitudine  di mangiare e vomitare o di usare purghe, anche con l’uso di farmaci o droghe.
La riflessione da fare non è sui canoni di bellezza, ma piuttosto sui meccanismi mediatici che inducono questi canoni, specie per le donne in età prossima alla menopausa. Una volta, a quell’età la donna non aveva più il dovere di esprimere segnali sessuali, divenendo libera. Oggi anche questa libertà è venuta meno. 

Questa voce è stata pubblicata in Medicina,Salute & Dintorni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...