ETA’ DEI POTENTI IN ITALIA

LA CLASSE DIRIGENTE ITALIANA

Questa statistica dei giovani della Coldriretti parla da sola, abbiamo una classe dirigente, a tutti i livelli, ANZIANA!

Sebbene l’età minima stabilita dalla Costituzione per essere eletti è di 25 anni, alla Camera vi sono  157  onorevoli con età superiore ai 60 anni. A dimostrazione di quanto la politica e l’economia italiana sia sinonimo di vecchiaia, nel governo dei professori guidato da Mario Monti si raggiunge quota 64 anni,  57 al Senato e 54 alla Camera dei deputati. Tanto per fare un esempio, in Gran Bretagna David Cameron è stato eletto premier a 43 anni mentre il laburista Tony Blair a 44. Le cose peggiorano se si considerano i professori universitari dove la media è di 63 anni.
Questo non vuol dire che a sessant’anni non si è propositivi e che non bisogna più dare il proprio apporto fatto di esperienze e conoscenze, anzi, ma che da anni l’Italia sia “comandata” e “gestita” da una maggioranza di persone anziane non è di per se positivo e alla luce di come vanne le cose, probabilmente, nemmeno più tanto auspicabile. Con tanti giovani in cerca di un inserimento e
consapevoli che una persona da il meglio di se dai 20 ai 40 anni, sarebbe tempo che molti si mettessero leggermente da parte, per fare spazio a chi ha idee nuove, più fresche ed adeguate ai tempi.

Trattasi di attaccamento al lavoro, sciovinismo o altruismo?

No, il problema è un altro, sempre lo stesso, una volta raggiunte certe “vette” è poi difficile lasciare “la poltrona” o il “proprio orticello” fatto di privilegi, prestigio, potere e benessere. E pensare che sono proprie queste persone, che hanno le redini del paese, a parlarci di “sacrificio”, di “cambiamenti” e di “innovazioni”. Come dice Beppe Grillo, è sempre la solita minestra, sempre la stessa gente di partito e classe dirigente che si riorganizza e si espande come una diarrea….. altro che sacrifici e riforme, per molti ci vorrebbe l’esilio a vita esteso fino alla sua terza generazione, perché di certo a loro, dell’Italia e dei sacrifici non gliene può fregar di meno.

Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...