ERUZIONE SOLARE

 Brillamenti spaziali

sun-big-solar-flare

Lo scorso 24 settembre il Solar Dynamic Observatory della NASA ha ripreso una delle più grandi eruzioni solari mai riprese fin’ora. Definita di classe X1.9, una delle più elevate, ha rilasciato più energia di un miliardo di bombe atomiche.
Il brillamento è stato immortalato in un video e lo sfarfallio delle immagini è dato dal software utilizzato dalle videocamere di SDO, che hanno compensato l’improvviso aumento di luminosità provocato dal fenomeno.
L’eruzione solare è avvenuta nei pressi di un gruppo di macchie solari noto come regione 1302: a prima vista si tratta di puntini che colorano la superficie della nostra stella, ma la più piccola di loro è grande circa il doppio della Terra. I brillamenti spesso sono associati alle macchie solari e sembra siano causati dal rilascio di energia provocato dall’interazione dei loro intensissimi campi magnetici.
Questi fenomeni sono spesso associati all’emissione di grandi quantità di particelle cariche ad altissima velocità, le cosiddette Coronal Mass Ejection (CME: eiezione di massa coronale).
Si tratta dell’espulsione di enormi nubi di plasma, costituito principalmente da elettroni e protoni, ma anche da piccole quantità di elio, ossigeno e ferro, che vengono accelerate dal campo magnetico della corona solare e immesse nello spazio interplanetario.
Le CME possono raggiungere velocità che vanno da 20 sino a 3.200 km/s con una velocità media di quasi 500 km/s. La massa media della materia che viene espulsa da questi fenomeni è di poco inferiore ai 2 miliardi di tonnellate.
Queste particelle cariche di energia, oltre che generare splendide aurore boreali, possono causare qualche problema di sovraccarico alle linee elettriche e agli impianti di trasformazione del nostro pianeta.
Secondo alcuni scienziati proprio l’eruzione solare immortalata in questo video potrebbe essere responsabile del blackout che lo scorso 26 settembre ha lasciato al buio quasi 10 milioni di persone a Santiago del Cile e nelle zone circostanti.

Scritto da Focus.it | Il blog di Focus – 3 ott. 2011

.

Questa voce è stata pubblicata in Scienza, Fantascienza & Mistero e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...