PREGHIERE DI ALTRI TEMPI

Preghiere Napoletane della sera

Vi sono delle preghiere napoletane che le mamme e le nonne di una volta, insegnavano ai loro bambini per farle recitarle, in genere, la sera prima di andare a letto.  Semplici e brevi preghiere che assomigliavano a delle nenie o a poesie in rima per permettere ai bambini di ricordarle facilmente.

Non avendo l’età per conoscerle tutte perché risalgono a più di cento anni fa, qualcuna mi era familiare ma, grazie all’aiuto di internet, ne ho trovate altre che volentieri pubblico. Per chi non conosce il napoletano ho effettuato la traduzione di ogni preghiera [tra le parentesi quadri] anche se la rima viene persa.


Me cocco e me faccio ‘a croce

‘a Maronna mè mamma

Gesù Cristo mè pate

e Sante mè so pariente

me cocco e nun aggio paura e niente.


[Mi corico e mi faccio la croce

la Madonna mi è mamma

Gesù Cristo mi è padre

i Santi mi sono parenti

mi corico e non tengo paura di niente]


oppure


Je me cocco ‘int’ ‘a ‘stu lietto

e ‘a Maronna affianco ‘o pietto

jo dormo e Essa veglia,

si è coccosa me risveglia;

Gesù Cristo m’è pate

‘a Maronna m’è mamma

‘e Sante me so’ pariente

duorme… ca nun haje paura ‘e niente!

[Mi corico dentro questo letto

la Madonna a fianco il petto

io dormo e lei veglia

se qualcosa mi risveglia;

Gesù Cristo mi è padre

i Santi mi sono parenti

dormi… che non hai paura di niente]


E’ sunata ‘n’ora ‘e notte
e l’angiulillo p’‘a porta,
e Maria p’‘a casa;
‘o tristo jesce e ‘o buono trase
e Dio ‘nce guarda ‘o capo ‘e casa.


[E’ venuta la notte

l’angelo è alla porta

Maria per la casa;

il tristo esce e il buono entra

e Dio protegge il capo di casa]


Io me cocco ‘a lietto
e cu l’angelo perfetto
e cu l’angelo preganno
Gesù Cristo prericammo
Io me cocco e nun m’addormo
l’anema mia ‘a lascio ‘a Maronna
Io me cocco a lietto e nun m’addormesse
l’anema mia ‘a lascio ‘a Gesù Cristo
Io me cocco a e nun me vene
tre cose a chiese tene:
cunfessione, cummunione e uoglio santo

e lu cantu ‘o Spiritussanto
aiutaci Maria a tutti quanti.

 

[Io vado a letto

con l’angelo perfetto

e con l’angelo pregando

Gesù Cristo predichiamo

Io mi corico  e non mi addormento

l’anima mia la lascio alla Madonna

Io vado a letto e se non mi addormento

l’anima mia la lascio a Gesù Cristo

Io mi corico e non mi viene (di addormentarmi)

tre cose la chiesa tiene:

confessione, comunione e olio santo

ed il canto allo spirito santo

aiutaci Maria a tutti quanti]


Bonasera Maronna mia

tutt’ ‘o munno a te s’inchina

cu’ chillu frutto ca dunaste

a tutt’ ‘o munno rallegraste

rallegraste l’anema mia

buona sera Maronna mia.

 

[Buonasera Madonna mia,

tutto il mondo a te s’inchina.

con quel frutto che donasti,

tutto il mondo rallegrasti,

rallegrasti l’anima mia,

buonasera Madonna mia]


Preghiera del malato


Cuosemo e Damiano,

io ‘a ‘ncarme e tu ‘a sane

cu ‘e manupre e sacramienti

piglia ‘o mmale

e puortalo ‘o viento.

[Cosimo e Damiano,

io la benedico e tu la sani.

con le manipolazioni e sacramenti,

prendi il male,

e portalo al vento]


Preghiera del mattino

 

Maronna mia

te ringrazio c’ ‘a faccia pe’ terra

ca m’hé fatto vede’ ‘na bbona e santa nuttata

comme spero ca me fai vede’

‘na bbona e santa jurnata.

 

[Madonna mia

ti ringrazio con la faccia per terra

che mi hai fatto avere una buona e santa nottata

come spero che mi fai vedere

una buona e santa giornata]

 

.

Questa voce è stata pubblicata in Religione & Culto e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a PREGHIERE DI ALTRI TEMPI

  1. Christian ha detto:

    Mia nonna, classe 1914, originaria di Santa Maria Capua Vetere (CE) me ne faceva recitare una prima di andare a letto. Faceva piu’ o meno cosi’:
    Je me cocco ‘int’ ‘a ‘stu lietto
    e ‘a Maronna mi sta rimpetto
    jo dormo e Essa veglia,
    si è coccosa me risveglia;
    ‘a Maronna m’è madre
    Gesù Cristo m’è patre
    e i Sante mè so pariente
    … e stanotte nun aggio paura e niente.

    PS graziosa l’idea di quesrta pagina. Queste preghiere in fondo sono un piccolo patrimonio culturale che sarebbe peccato andasse perso!

    Mi piace

    • Mario ha detto:

      Me cocc da stu lett
      O Maria da stu pett
      Io dorm essa veglia
      Si è cocco me risveglia
      Gesù Crist mè pate a Madonna mè mamma
      Tutti i santi mi so parienti
      Io me cocco e nun me sonno niente
      Buonasera Madonna mia
      Voi siete la mamma mia
      Immacolata concezione
      Datemi la santa benedizione

      Recitata da mia nonna e mia madre
      Ora da me

      Mi piace

  2. maria grazia ha detto:

    credo che nella preghiera manchi una parte che io ricordo di aver ascoltato da mia nonna , questa parte si inserisce subito dopo la seguente:”si è coccosa me risveglia; e so quattro pizzi di casa , e quattro angeli ci trasano……”dopo non ricordo come continua ma prosegue con una rima che conclude simile alla prima strofa. solo alla fine dell preghiera si recita la strofa che dice: a madonna mi è mamma, san giuseppe mi è padre, etc…. Questa preghiera tocca alcune corde dell’anima, mi ricordo mia nonna quando la recitava, noi ervamo molto piccoli, le parole creavano dentro di noi un senso di fiducia totale nelle protezione della Madre Madonna…..Ho sentito il bisogno di recitarla una sola volta, quattro anni fa , mentre mia madre era in terapia intensiva ed io avevo la sensazione di essere dentro una tempesta infinita…..quella preghiera mi sembrava l’unica ancora cui aggrappare il cuore. Mia madre è uscita da quel reparto di terrore solo dopo un lungo calvario, volandosene via, da sola, non senza salutarmi…

    Mi piace

  3. annamaria ha detto:

    personalmente non ho nulla di napoletano tuttavia, ho sempre amato le canzoni napoletane che sembrano anch’,esse poesie. Credo che varrebbe la pena rispolverare certi valori culturali che offrono un senso di accoglienza al nostro cuore ed alla nostra anima.

    Mi piace

    • Nicchiniello Caterina ha detto:

      Ma solo io ricordo” U verb i Dio”? Faceva:” U verb i Dio socc e u verb i Dio vogl ricere, u verb i Dio nostro Signore, chillu che patett mort e passion…”

      Mi piace

      • Nicchiniello Caterina ha detto:

        ” ….chella croc tant amat, chella croc tanta bell stev p nu racc ncielo e nat nterr, e m trmarra’ a scennr quann, San Giuann stev accant p nu libr man che dic:” vui peccatur e peccatric, chi sap.u Verb i Dio che su ric, chi nu sap su fa mbara’ osino’ sett lengue e fuoc adda passa’, no a chistu munn, a chill’ atu munn, cu pen e chiant, sara’ mbarat, sara’ ammazzat”

        Mi piace

  4. gianna ha detto:

    forse ho trovato una carissima amica che mi ha fatto dono di preghiere napoletano di almeno due secoli, appena saranno in mio possesso vi faro questo regali, intanto pregate per la mia famiglia e per il mio apostolato, grazie

    Mi piace

    • antveral ha detto:

      Sono ancora in attesa!

      Mi piace

    • antonio ha detto:

      il vero verbo di san Giovanni e questo :
      VERB SACC E VERBA VOGLIA RICERA, VERBA CA CANTAIA NOSTRO SIGNORE GIESU CRISTA,
      CA GOPPA A NA CROCIA E GHIUT A MURI, PER NOI MISERA PECCATOR.
      CHELLA CROCE VENERRANO ,
      SAN GIUVANN SCENNARRA
      CU NU LIBRA MAN E CUNA VOCIA AIAVATA E BELLA VA ALLUCCAN E VA RICENN
      OI MISERA PECCATOR QUAND IO PATISCA PE VOIA E VUIA NULLA PATIT PE ME,
      E SE VUIA ME INDENNIT CUMMA FOGLIA TREMMARRITE,
      E SE VUIA ME GANNATA COMMA A FOGLIA VUIA TREMMAT.
      A MARONNA SA VOT E DICE O RUSARIA NUNNU LASCIAT CHILLU TIEMBA CAH VUIA PERDITA IO VO FACCIA GUADAGNA.
      CHI U RICE E CHI U BAR GESU CRISTA GIO RECHIARA , CHI U SAP E NUN O RICE GIESU CRIST O SMALERICE,
      CHI NUNNU O SAP E NUNNU SO BARA A CHILLAT MUNN SARRA SPIAT E CU PENA TREMENDA SE LA DA BARA.
      CHI U RICE TRE VOT A NOTT NUN A PAURE E FA MALA MORTA,
      CHI U RICE TRE VOT GAMMINA NUN A PAURA E INFERNA IRE,
      CHI U RICE TRE VOTA A SERA NUNNA PAURA E MURI SENZA CANNELA.
      A MARONNA SA VOTA E DICE ,U RUSARIA NUNNU LASCIAT CHILLU TIEMBA CA PERDIT IO VO FACCIA GUADAGNA…

      questo e il vero prologo in napoletano di san Giovanni, le altre preghiere sono dette a meta e io le o tutte, sera e buon apprendimento .

      Mi piace

  5. pina ha detto:

    Mia madre ottantenne quando era bambina le insegnarono a cantare un’antica Salve Regina in dialetto…non ricorda il testo integrale…mi potete aiutare? vi riporto alcune frasi…”à Maronne stà sdegnat e chillu latt che c’ha dato…Gesù Cristo che faciste che paura avist…fame peste e guerre terremoti e pene in terra Signore liberateci domini Amen…

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...