L’ANNO DELLA PATATA

ORIGINI PERUVIANE DELLA PATATA
Il 2008 è stato l’anno della patata. L’idea è venuta nel 2005 al Perù (che ne produce centinaia di specie diverse) ed è stata subito fatta propria dalla Fao.
Le Nazioni Unite lanciano ufficialmente l’”Anno Internazionale della Patata 2008,” un’iniziativa promossa in privato da alcuni diplomatici, ma mirata a sollecitare i governi ad aumentare i fondi per la ricerca agricola.
Già 2000 anni fa, la patata era il cibo degli Incas. Il suo nome era papas e la consideravano un dono di Axomana, una loro Dea.
Il nome di questo tubero, diventato una delle principali fonti di sostentamento, deriva da batata, parola caraibica che denota la patata dolce.
Il tubero appare in Europa solo dopo la metà del XVI secolo e molte sono le leggende che ne descrivono la sua diffusione. Essa fu importata dagli spagnoli, che l’avevano conosciuta durante la conquista del Perù. Secondo alcuni, il suo ingresso in Europa risale al 1524, quando Francisco Pizarro, spietato conquistatore del Perù ne regalò alcuni esemplari al re di Spagna come curiosità botanica. Ma le origini della patata sono da cercarsi tra il Cile ed il Perù, dove le popolazioni della Cordigliera delle Ande la coltivavano già dall’antichità e dove una antica leggenda narra delle sue origini.
La “vergine del Sole” Accla si era innamorata di un contadino del posto e tra di loro l’amore fu subito grande. Quando il sovrano seppe che la giovane aveva violato il voto di castità li condanno entrambi. E la condanna fu davvero durissima: sepolti vivi con la faccia in su. Ma gli amanti avevano la benedizione della Natura, che si ribellò tanto che i fiumi si prosciugarono, le stelle cambiarono di posto e tutta la terra fu contaminata tranne la parte dove era stata sepolta la coppia. I sacerdoti in preda al terrore decisero di riesumare i corpi per bruciarli, ma, invece dei due cadaveri, trovarono solo due grandi tuberi che giacevano fianco a fianco.
Erano nate le patate!

 

Questa voce è stata pubblicata in Non tutti sanno che..... Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...