Conoscere il proprio corpo

 
SETTE COSE SUL SESSO CHE MOLTI UOMINI NON CONOSCONO
 
 
1 – SESSO E SONNO
Secondo il dr. Billy Goldberg co-autore di "Perchè gli uomini si addormentano dopo il sesso", non vi è alcuna evidenza diretta che possa spiegare perché gli uomini sentono il bisogno di dormire dopo aver fatto sesso. Tuttavia, prodotti chimici tipo ossitocina (l’ormone dell’amore) e la prolattina e tutti gli altri ormoni prodotti al termine dell’atto sessuale, contribuiscono a questa ed a altre sintomatologie post-sesso.  Di fatto, dopo l’orgasmo la chimica del corpo dell’uomo cambia. Il compito principale del rilascio di prolattina, concomitante all’eiaculazione, è proprio quello di abbattere la libido e bloccare successive erezioni, mentre lo sforzo (mentale e fisico) prodotto fa esaurire il glicogeno nei muscoli (l’uomo ha più massa mucolare delle donne) modifica il corpo e rende l’uomo stanco, afferma il dr David McKenzie, terapista del sesso a Vancouver in Canada. La quantità di prolattina rilasciata dopo l’orgasmo provoca senso di soddisfazione e rilassamento, ma può provocare anche stanchezza, nausea, mal di testa e un generale senso di fastidio. E dire che molte donne si lamentano se l’uomo è….. assente dopo il sesso!
 
 
2 – Variazioni ormonali
Credete che i sintomi della sindrome premestruale (PMS) sia un fatto solo femminile? Non è così dal momento che le continue variazioni mensili dei livelli di testosterone nell’uomo scatenano cambiamenti che fanno andare la libido su e giù, che colpiscono l’umore, il livello di energia, la crescita della barba e perfino la produzione degli spermatozoi!
Secondo una ricerca del medico Marcus Laux, gli uomini hanno più energia, un maggior senso di benessere, inferior peso corporeo e meno bisogno di dormire durante il picco del loro ciclo ormonale. I cali, invece,  portano apatia, ansia, indifferenza e altri piccoli problemi psicologici.  "Se si tiene traccia dei dati personali relativi a questi cicli ormonali, sia che si tratti di variazioni dei livelli di energia, di umore o di libido, è possibile prevedere tali alterazioni e scegliere il momento migliore per le diverse esigenze quotidiane", spiega Laux. 
 
 
 
3 – Quel barometro del pene
Il tuo pene è un barometro della salute in generale dice il dr. Mehmet Oz, co-autore di "Il corpo è tuo. Manuale d’uso" e lo definisce "asta dell’olio"  perché rivela la salute anche di altre parti del corpo. I meccanismi fisici che inviano sangue al cervello, al cuore e ai reni sono quelli che fanno gonfiare anche il pene. Se esso non diventa eretto è perché si possono avere problemi arteriosi.
"La mancanza di interesse per il sesso negli uomini è un importante campanello d’allarme che qualcosa è fuori posto. Fino al 25% degli uomini hanno un basso-o-nullo desiderio sessuale", afferma Laux. "E tale percentuale potrebbe aumentare se sempre meno persone parlassero della loro scarsa libido." Le possibili cause del limitato flusso di sangue (al pene) includono diabete, disturbi del cuore endocrini e vascolari oppure problemi renali. Ma, spiega il dr. Laux, "anche fatica, stress, fattori psicologici, difficili rapporti inter-personali, scarsa nutrizione, insonnia o mancanza di esercizio fisico ne sono spesso la causa". Fattori fisisi ma anche psicologi, quindi!
 
 
4 – Un cattivo riposo diminuisce l’erezione
Se stai lottando con l’apnea ostruttiva del sonno (OSA), sei a rischio di disfunzione sessuale. OSA è un disturbo del sonno che solo in America colpisce 18 milioni di persone. Tale disturbo respiratorio interrompe la fase REM del sonno ed è in questa fase che si hanno le comuni erezioni (spontanee) notturne. Secondo il dr Charles Atwood, direttore associato presso l’Università di Pittsburgh, c’è correlazione tra tali erezioni notturne e la salute sessuale in generale. Un diminuito sonno REM porta ad un minor numero di erezioni con implicazioni sulla vita sessuale del soggetto. "Se avete la disfunzione erettile, si dovrebbe fare il test anche per l’OSA", consiglia Atwood. "Gli uomini a cui viene diagnosticata e trattati per l’OSA spesso si riscontrano benefici anche sulle loro funzioni sessuali".
 
 
5- Bicicletta e testicoli
Se sei un ciclista perché vuoi ridurre l’inquinamento atmosferico, per risparmiare benzina o solo per mantenerti in forma, assicurati di aver correttamente messo al sicuro i tuoi "tesori".
Il Ciclismo non causa infertilità maschile ma a lungo andare può portare danni ai testicoli, con alterazione di sperma e delle funzioni erettili. L’urologo Vinod Nargund del San Bartolomeo e Homerton Hospital di Londra ha rilevato che i ciclisti di mountain bikes sono più colpiti rispetto agli altri ciclisti. I potenziali problemi di prolungato uso della bicicletta sono: abrasioni, sfregamenti, danneggiati dei follicoli piliferi e piccole lesioni. Inoltre l’eccessiva sudorazione può causare problemi di pelle e indolenzimenti. Si consiglia, pertanto, di usare imbottiture di protezione, pantalono corti e traspiranti e di regolare il sedile (imbottito) in modo tale da evitare pressioni all’inguine.
 
 
  
 
6- Il Varicocele può causare infertilità
Una coppia su sei soffre di infertilità e nella metà dei casi tale problema è dovuto al sesso maschile. Secondo il Centro di Medicina riproduttiva della Cornell University, la più comune causa identificabile di infertilità maschile è dovuta al varicocele (vene allargate nelle scroto). Un’altra possibilità è un blocco nel tratto riproduttivo oppure la semplice vecchiaia che può portare all’infertilità. Recenti ricerche al Centro Eylau per la Riproduzione Assistita in Francia, mostrano un collegamento tra gli uomini oltre i 35 anni ed i minori tassi di gravidanza ed i superiore tassi di aborto spontaneo. Occorre mantenere lo sperma "forte" attraverso una dieta sana, un regolare esercizio fisico e bassi livelli di stress.
 
 
7- Buone nuove
Una lunghezza media del pene di 13 cm. quando eretto e di 7 cm. quando flaccido è normale anche se tali valori sono molto inferiori a quelle che la maggior parte delle persone pensano siano normali.
La sessuologa dr. Trina Read afferma che "In generale, ogni uomo (e donna) ritiene che il massimo della sessualità e della mascolinità sia quello di avere delle misure del pene maggiori rispetto alla media". "Sfugge il fatto che agli uomini con pene di grande dimensione è spesso difficile trovare partner adatti oltre che trovarsi nelle condiazioni di non poter avere sesso orale e anale". Nel corso di un rapporto, le dimensioni del pene hanno poco a che fare con la soddisfazione sessuale perché nella donna la maggior parte delle terminazioni nervose sensibili (al piacere) sono maggiormente concentrate vicino all’apertura vaginale (e nel clitoride) e questo significa che anche un pene di modestissime dimensioni può dare piacere.  "Quello che davvero la maggior parte delle donne vogliono è la tecnica", afferma Trina Read.  Un uomo che sappia "usarlo" bene ed a lungo. Il rovescio della medaglia? Un uomo che maestri la sua tecnica a letto ha poi più probabilità di addormentarsi una volta che il lungo amplesso è terminato.
 
 
 
 
Libera traduzione e arrangiamento dell’articolo "Why Men Fall Asleep After Sex, Seven things most men don’t know about their sexual health", by Laurie Pawlik-Kienlen for MSN Health & Fitness
Questa voce è stata pubblicata in Medicina,Salute & Dintorni. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Conoscere il proprio corpo

  1. Marco ha detto:

    Molto interessante, varie cose non le sapevo, thanks!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...