SINDROME DEGLI ANTENATI

 
 
Il Destino, ovvero conscio e inconscio
 
 
 
Noi siamo molto meno liberi di quanto immaginiamo!
 
Si sostiene che traumi familiari accadono ciclicamente all’interno delle famiglie, e per questo, molto spesso, figli e nipoti sono costretti a rivivere, loro malgrado, traumi accaduti ai propri antenati.
Eventi tragici, mariti, mogli o familiari che stranamente muoiono in una stessa data, incidenti, ma anche  situazioni positive e felici che si ripetono sempre nello stesso giono o nella stessa circostanza. Nella vita di molti di noi esistono delle corrispondenze di fatti e di date inspiegabili.
Coincidenze, forse, ma scavando nel nostro passato e in quello dei nostri avi troveremo fatti curiosi, coincidenze di date, giorni, mesi anche anni di distanza che lasciano sconcertati e diventa difficile definirli semplici giochi del destino.
 
Esiste allora una memoria inconscia che si trasmette attraverso le generazioni?
 
La ripetizione delle date nelle storie familiari è stata studiata in dettaglio dalla francese Anne Schutzenberger, nome storico della psichiatria internazionale. Il suo libro "La sindrome ddegli Antenati" è un best-seller in Francia e rappresenta uno dei testi fondamentali della psicologia trans-generazionale, una disciplina che si propone di curare malattie attravesro lo studio delle storie familiari.
La psicoterapeuta afferma che scoprì tale ‘sindome da anniversario’ quando notò che molte famiglie vivevono identichi eventi negli stessi periodi dell’anno o addirittura negli stessi giorni.
Ricerche negli archivi di molti comuni di Francia e Canada  e centinaia di rapporti ospedalieri riportano date di nascita, di morte, di matrimonio, di malattie, di operazioni o di incidenti che non lasciano dubbi sull’esistenza scientifica che mette in relazione i traumi familiari e le date in cui essi si verificano.
In Italia le ricerche della dottoressa Schutzenberger sono state raccolte dal prof. Maurizio Gasseau, psicologo all’università di Torino e di Aosta, in quanto affascinato da tali coincidenze. Il prof. è oggi una personalità internazionale sugli studi che analizzano i legami nascosti nella psiche di ognuno di noi, attraverso lo studio degli alberi ginealogici.
Nel libro della Schutzenberger si narra della ragazzina Natalie che ogni giorno del proprio compleanno sogna sempre di una strana maschera che la inquieta. Si scoprì che durante la I guerra mondiale un suo pro-zio, mentre indossava una maschera antigas, morì proprio nel giorno del compleanno di Natalie. Questo evento traumatico inconsciamente gli era stata trasmesso attraverso generazioni.
E’ possibile che qualcosa accaduto prima, un evento traumatico, si depositi in un immagine simbolica che è l’unico modo per percepirlo. In un altro caso, la dottoressa Schutzenberger studiò una famiglia per 7 generazioni e vide che i componenti ebbero sempre un piccolo incidente nel primo giorno di scuola. Anche se capitava di giorno diverso, l’incidente si presentava semplicemente il primo giorno di scuola.
Il terreno in cui la sindrome degli antenati si scopre con maggior intensità è quello delle malattie. Perché certe patologie a volte incurabili si replicano in certe famiglie con regolarità impressionante. Secondo alcuni studi le cause vanno ricercate nelle genetica, ma la componente inconscia ha altrettante responsabilità.
 
Ma perché membri diversi di generazioni diverse si trovano a vivere le stesse esperienze?
E perché si verificano nello stesso periodo della vita , dell’anno o nello stesso esatto giorno?
 
Nessuno sa il perché, afferma la Schutzenberger, ma tutti sanno che accade. Secondo lei sono solo gli impegni e i doveri non finiti che rimangono nella nostra memoria, sono i "se" che lasciano dubbi e che fin quando non si chiudono le storie, si perpetuano all’infinito.
Quindi sarebbe il non detto, l’evento nascosto, dimenticanze, segreti presenti nelle storie familiari, la vera causa.
 
I chirurghi di Napoleone avevano osservato un fenomeno particolare nei reduci della campagna di Russia del 1812. Lo shock post-traumatico vissuto dai sopravvissuti agli orrori della guerra, è stato traumatico anche per figli e nipoti che soffrivano di angosce e incubi in prossimità dell’anniversario dell’evento originario. Quando l’Andrea Doria affondò, quella stessa notte molti parenti sognarono i loro familiari in mezzo al mare!Sono forme queste, di Sindrome degli Antenati collettive!
Se pensiamo ai testi religiosi, nella Bibbia è scritto che il peccato graverà sulle spalle degli uomini per 7 generazioni; nell’induismo per 9 ed in alcuni altichi testi cinesi si parla di 11 generazioni.
 
Vi sono soggetti colpiti da psicosi per qualcosa accaduto ai genitori che non hanno potuto elaborare.
 
E’ quindi il passato a determinare le paure irrazionali, certe insicurezze e le violenze delle generazioni future?
 
E come se in ognuno di noi agissero i fantasmi dei nostri antenati che in un qualche modo attraverso l’inconscio riescono a condizionare a tal punto la nostra vita da trascinarci dentro i traumi della loro vita, il più delle volte a noi sconosciuti.
Probabilmente è proprio partendo da una particolare concezione tra spazio e tempo che si potrebbe approfondire il mistero della trasmissione inconscia tra generazioni, di fatti, pensieri ed emozioni.
Quello che avviene è guidato da memoria ed inconscio, la mente invisibile presente nell’animo umano. Freud diceva che quello che a noi appare della mente delle persone è solo la punta di un enorme icesberg.
 
Ma come può un neonato conoscere, vivere e ricevere fatti di altre persone se non li ha vissuti e non è a conoscenza?
 
La ricerca sulle trasmissioni generazionali è un valore matematico numerico del nostro inconscio. Come se fossimo tavole rase su cui è possibile incidere le memorie di altri. E’ come se nascessimo con un programma mentale inconsapevole, in grado di "marchiarci" a livello di DNA, giusto una MATRICE. Un concetto psicologico che genera ripetizioni, una forza che ci condiziona al di la dello spazio e del tempo.
 
Ma come agisce tale matrice  e perché?
 
Passato, presente e futuro sono spiegabili a livello matematico come livelli paralleli. Una tesi affascinante ma non ancora dimostrata, supporrebbe una trasmissione tra i vari livelli (energetici). Per ora rimane solo la certezza che una trasmisione esiste senza saperne il perché ed il per come. Ma molti studi sono in atto.
 
Gli antichi tenevano una grossa considerazione per il culto degli avi delle loro azioni, così coma fanno ancora oggi gli sciamani; vita conscia ed inconscia legata a se e NON completamente slegata come invece avviene oggi. La colpa è forse la mancanza di una "memoria familiare" che si tramandi di generazione in generazione?
 
 
 
 Riadattamento da una trasmissione di Voyager
Questa voce è stata pubblicata in Scienza, Fantascienza & Mistero. Contrassegna il permalink.

3 risposte a SINDROME DEGLI ANTENATI

  1. Cy ha detto:

    Davvero una tesi inquietante!
    ma dico io… già abbiamo i nostri problemi x i fatti nostri, anche quelli dei nostri avi dobbiamo portarci dietro?
    Allora mettiamola così, spero di non combinare niente, che possa ricadere sulle mie generazioni future.
    Saluti, Cy

    Mi piace

  2. stefano ha detto:

    già, l’argomento e davvero interessante, a me personalmente fa anche un pò di inquietudine…potete leggere qualche altra informazione a questo link:  http://www.paranormaleitalia.com/Files/sindrome_antenati.html

    Mi piace

  3. Samhain ha detto:

    sempre molto interessanti i tuoi interventi!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...