I GIGANTI

 
 
GLI ANTENATI DEGLI UOMINI PREISTORICI
 
 
In Egitto, a Saqquarah, il luogo piu antico ed importante dei faraoni (qui è sepolto per  esempio Ramses II)  troviamo il grande tempio sotterraneo (a sette metri) Serapeum dedicato al dio Serapide dove sono depositati 24 sarcofagi giganti.
La teoria classica è che tali sarcofagi giganti sono serviti alla sepoltura dei buoi sacri ma a fronte di tale teoria ufficiale vi è l’altra che tale struttura sia stata invece trovata così com’è e quindi utilizzata dal popolo egizio. Antichissime sarcofagi serviti alla sepolturta di giganti, i nostri antenati, propri quelli di cui si parla nel VI libro della Bibbia. La Bibbia cita un’antica razza chiamata nephilim, spesso interpretata come razza di giganti. Anche la Genesi cita esplicitamente la presenza di giganti sulla terra, agli albori del mondo. La tradizione post-biblica considera per esempio Re Nimrod come esponente di questa razza. La Bibbia riporta anche il famoso combattimento fra David e il gigante Golia, sebbene Golia non sia descritto come un "nephilim", ma semplicemente come un "campione di più di tre metri d’altezza". L’appellativo Nefilim presente nell’ Antico Testamento (Torah), in diversi libri non canonici del Giudaismo e in antichi scritti cristiani, si riferisce ad un popolo creato dall’ incrocio tra i "figli di Dio" e le "figlie degli uomini" (Vedi Genesi 6:1-8). 
 
 
 
 
 
Fu l’archeologo francese Auguste Mariette a scoprire l’ingresso del tempio nel 1851. A Saqquara egli incontrò per la prima volta anche lo studisoso Heinrich Brugsch.  Una scalinata liberata dalla sabbia per entrare in alcune grandi , lunghe ed affascinanti grotte. I sarcofagi che qui si trovano sono delle opere mastodontiche, ma semplici nella struttura, con i loro 2,20 metri di altezza che arrivano a 5,50 coll’enorme coperchio per circa 6 metri di lunghezza e 2,05 metri di larghezza e per un totale di 60 tonnellate di peso caduno. Alcuni portano dei geroglifici sui lati, segni grezzi e superficiali che stranamente non riportano raffigurato un bue o il dio Ape a lui dedicato. Qui i passaggi e le volte dell’area sono enormi, al contrario delle strette e anguste piramide. Due le possibilità, uomini che hanno costruito questo enorme tempio per i buoi o uomini che l’hanno solo occupato perchè già presente in quanto creato precedentemente da esseri giganti. Ma di pietre giganti ve ne sono tante in giro per il mondo, a volte alcune nascondono un passato misterioso. Dai massi dell’isola di Pasqua alle pietre di Stonenge. Ma uno dei luoghi della Terra dove sono più numerosi i resti di monumenti ciclopici è il Perù. Costruzioni impossibili da datare ma che sembrano essere realizzate da esseri soprannaturali o giganteschi. Pietre grandi ed antiche e tecniche perdutesi nei secoli. Mura realizzate con una tecnica particolare in grado di resistere ai millenni ed ai numerosi terremotiche che da sempre colpiscono il continente sud Americano. Massi di "Diorite" pietra dura da lavorare perfino con le tecnologie attuali che all’epoca sono state modellate come se fosse creta e poste a formare dei puzzle. E’ possibile vederle a Cusco l’antica capitale Inca, per esempio. Qui la teoria è un’altra è quella di antichi esseri giganti del posto che costruirono servendosi di quelle pietre.  Gli Inca non aveva la tecnologia adatta per creare simili costruzioni, senza cemento o malto a creare muri con pietre durissime perfettamente combacianti. Dal momento che solo la base delle mura è fatta di pietre ciclopiche mentre in alto le pietre sono piu piccole, si suppone che sono quelle utilizzate dagli inca successivamente. Le stesse porte effettuate di tanmto in tanto nel muro,  non sono certo di altezza proporzionata alla nostra altezza, ma sono fatte invece, per permettere il passaggio di cose o persone che superavano i 3 metri.
 
A Sacsayhuaman in Peru, il muro settentrionale dalle triplici gradinate, nella parte inferiore è composto da enormi blocchi di pietra calcarea grigia, lavorati e messi l’uno sull’altro con precisione. Nella zona delle Ande, il perfetto lavoro di rifinitura era noto già secoli prima della civiltà degli inca (Tiahuanaco, Picara, Chullpas e Sillustani). La particolarità delle mura di Sachsayhuaman è la collocazione senza giunture di pietre ciclopiche, alcune fino a 100 tonnellate di peso, dai contorni irregolari. Fino a oggi la scienza non ha fornito alcuna spiegazione per questa tecnica.  In Bolivia nel tempio dei giganti, la porta del sole a Tihuanaco (citta edificata dai giganti Titani che poi disobbedienti sarebbero stati uccisi dagli stessi dei) è ricavata da un unica blocco di andesite una delle petre piu dure della terra eppure è ricca di incisioni ed orli, impossibili da fare con utensili rozzi e primitivi come quelli usati dagli Inca. I gradini che portano ai templi sono di 80 cm, un’altezza spropositata per persone comuni. Siamo a  4000 metri di altezza e qui l’area e molto rarefatta e difficile da respirare.
Nell’isola di Pasqua gli incastri e l’assemblaggio delle pietre ciclopiche è simile a quella di Tiahuanac o di Cisco questo potrebbe vole dire che anche le prima civiltà su quell’isola era fatta di persone giganti.
Parlavamo di giganti. Tutto ha avuto inizio da una normale attività esplorativa nel deserto Indiano, in un luogo chiamato "The Empty Quarter" (Il Settore Vuoto), nel Nord dell’India.
 
In questa regione sono venuti alla luce i resti di uno scheletro umano di taglia eccezionale   (vedere comparazione nell’immagine). La scoperta è stata fatta nel 2004 dal Team National Geographic (Divisione Indiana), con l’appoggio dell’Esercito Indiano, poiché l’area è sotto la giurisdizione dell’Esercito. Sembra che siano state trovate anche delle tavolette con iscrizioni che affermavano che gli dei Indiani, come il mitologico "Brahma", avessero generato persone di taglia eccezionale: molto alti, grandi, e assai potenti, in grado di poter abbracciare un grosso tronco di albero e sradicarlo. Secondo l’iscrizione, questi uomini giganti furono creati per portare ordine nel mondo, sempre in lotta l’un contro l’altro.
Da sempre, ritrovamenti di ossa umane giganti ne sono state fatte in tutte le parti del mondo, quindi si potrebbe davvero supporre che un tempo, una civiltà precedente alla nostra, fatta di esseri giganti, sia vissuta sulla Terra lasciandoci delle resta per noi, oggi, misteriose.
Ci sarebbero ancora troppe cose da dire o da far vedere, e forse è proprio il caso che ritorni sull’argomento.
 
 
 
 
 
Questa voce è stata pubblicata in Storia & Leggenda. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...