Fotografi finlandesi

 
 
The Helsinki School
 
 
Come appassionato e “piccolo” esperto (scusate la presunzione) di Fotografia, non può passare inosservata qualunque immagine o argomento che la riguardi, specialmente se inerente al campo della sperimentazione o della fotografia usata come mezzo espressivo.
Della “Helsinki School”ne avevo sentito parlare e avevo letto qualcosa, ma non ero mai entrato nel merito. Trattasi di un nuovo approccio alla fotografia dove 21 artisti lavorano ai loro progetti di fotografia contemporanea, mentre una selezione d’alcune opere di 11 artisti ha dato vita ad una mostra itinerante intitolata, appunto, "The Helsinki School", curata dallo stesso fondatore della scuola Timothy Persons.
Tale presentazione mira ad illustrare l’atmosfera di piena libertà espressiva ed i metodi d’istruzione aperti e cooperativi messi in atto nell’accademia finlandese.
La mostra fotografica è stata ospitata in alcuni prestigiosi musei europei, tra cui il Finnish Museum of Photography di Helsinki, il Künstlerhaus Bethanien di Berlino, il Kulturhuset di Stoccolma e la Galleria Photology di Milano.
La fotografia è uno degli articoli culturali d’esportazione più riusciti in Finlandia. Le opere di molti artisti internazionalmente riconosciuti sono stati riuniti in un vasto libro che accompagna una mostra che sta viaggiando intorno al mondo.
Tra gli 11 artisti della Helsinki School mi ha colpito:
 

Colpisce il suo rapporto con la natura. Col tema “Restaurations” ha costruito set di grandi dimensioni in campi aperti, racchiudendoli poi a creare ambienti controllati o da laboratorio. Il tutto viene poi fotografato, rigorosamente, di notte.
Con “Museum of Nature” ha creato dei particolari e luoghi in 3D dove mettere a riparo zone di Natura: natura che diventa protagonista, museo di qualcosa di vivo che deve rimanere tale.
 
 

Fotografa la quotidianità, fatti ed momenti che la emozionano durante la quotidianeità. Le foto non sembrano “studiate” e i soggetti non messi in posa, ma giusto un reportage del momento su fatti e luoghi della sua vita.  

 

Il tempo è il suo soggetto. Le sue foto appaiono come dei fermo-immagini di un film.  Sembra quasi che vi sia una trama di un qualcosa che è già accaduto o che sta per avvenire.

 

Immagini reali che con un sapiente uso della sfuocatura appaiono fittizie,  come se riprendenti oggetti in miniatura o giocattoli.
 
 

Gioca spesso con panni o abiti smessi che diventano il soggetto delle sue fotografie.
Quando bagnati, alle basse temperature del freddo finlandese, gli indumenti si irrigidiscono e sembrano poi vivere di una vita propria.

 

Un ritrattista con particolare riguardo al corpo femminile. Immagini semplici che ispezionano temi quali l’innocenza, la verginità o la purezza e spesso con addosso elementi caratteristici posti in secondo piano.

 

IMMAGINE RIMOSSA NELRISPETTO DEL "CODICE DI COMPORTAMENTO" MICROSOFT

 

 
Lo stesso intervento in versione NON censurata lo trovi su: http://tony_.ilcannocchiale.it/?r=86372

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Arte, Moda & Fotografia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...