Eni mini mani mo

 
 
Conta
 
Ultimamente la pubblicità di una nota marca automobilistica ha utilizzato come gingle una vecchia filastrocca inglese che recita:
 
Eeny, meeny, miny, moe
Catch a tiger by his toe
If he hollers let him go,
Eeny, meeny, miny, moe.
[You-are-It! ]
 
Tale conta, risalente al 1800, è stata usata anche dagli americani e così, negli anni, sono nate varie forme, mentre non se ne conosce l’esatta origine.
Eeny, meeny, miny, moe
Catch a baby by the toe
If it squeals let it go,
Eeny, meeny, miny, moe.
[My mother says that you are it!]
 
Sembra, però, che la rima sia stata usata, almeno nei paesi americani, come cantilena razzista in quanto al posto della parola “tiger” veniva usata “nigger” (negro) e la forma originale era:
Eenee, Meenee. Mainee, Mo!
Catch a nigger by his toe
If he hollers make him pay
Fifty dollars every day
Eenee, Meenee. Mainee, Mo!
[Out goes you!]
In ogni caso, si pensa che le sillabe della prima linea non abbiano significato, ma usate solo per dare metrica e suono. Qualcuno crede che si tratti dei (primi) numeri (uno, due,tre, quattro) usati nella lingua pre-Celtica o Bretone. Altri, invece, che si riferiscono a una vecchia rima usata dai ragazzi indiani nel gioco della carambola, durante la colonizzazione inglese in quei territori, poi adattata dai bambini inglesi:
ubi eni mana bou, baji neki baji thou, elim tilim latim gou”.
 

 
Ma torniamo in Italia e………………………….  le filastrocche o conte nostrane?
Eccone alcune:
 
Sotto il ponte
ci son tre bombe,
passa il lupo
e non le rompe;
passa il re
ne rompe tre;
passa la regine
ne rompe una dozzina;
passa il reggimento
ne rompe cinquecento.
 
L’uccellin che vien dal mare
quante penne può portare,
può portarne ventitré
uno due tre
stai sotto proprio te.
 
Giro giro tondo com’è bello il mondo
casca il mondo
casca la terra
tutti giù per terra.
 
Ambarabaciccicoccò
tre civette sul comò
che facevano l’amore
con la figlia del dottore
il dottore s’ammalò
ambarabaciccicoccò.
 
BUM!!!
Cade la bomba in mezzo al mare
mamma mia mi sento male
mi sento male in agonia
prendi la barca e fuggi via
fuggi via in alto mare
dove sono i marinai
che remavan notte e dì
la mia gatta mi morì
mi morì di giovedì
A B C D
Pulcinella ha vinto al lotto
Ha vinto al lotto un bel biscotto
7 14 21 28.
Anglin glena,
La lince e la lancia
Quanti fiori ci sono in Francia,
donna Caterì,
donna Giuseppì,
esci fuori Garibaldì,
con l’accento sulla ì !!!
 
Trenta quaranta la gallina canta,
lasciatela cantare che si vuole maritare
si vuol pigliar la luna
la luna e troppo bella
tutti giù per terra.
 
 Alcune in dialetto:
Sega sega Masto Ciccio
na panella e nu sasiccio.
‘O sasicio n’ciò mangiammo,
‘a panella cià stipamm’
 
Iesce iesce corna
ca mammeta te scorna,
te scorna ncoppa l’astrico
pe fa nu figlio masculo.
Chiove e esce o sole
tutte e vecchie fanno ammore,
fanno ammore co e tijane,
tutte e vecchie so ruffiane.
 
 
Questa voce è stata pubblicata in Giochi & Hobby. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Eni mini mani mo

  1. maryciwy ha detto:

    Io ho sempre detto :
    An gli glo allarincia all’arancia …. Che ridere!!!!!da piccoli si cantano canzoni inventate di sana pianta e che non significano niente, un po come il “aruwanuweiiii” della colonna sonora di dawson’s creek !

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...