YAHOO!ANSWERS 2

ATTENZIONE – CONTENUTO E IMMAGINI CON ESPLICITO MATERIALE SESSUALE –
OPINIONI E RACCOMANDAZIONI ESPRESSE SU QUESTA PAGINA SONO PERSONALI O RIPRESE DA RICERCHE EFFETTUATE IN INTERNET, PERTANTO PER OGNI DUBBIO O PARERE PROFESSIONALE DOVETE CONSULTARE UNO SPECIALISTA.
 
[Se non trovi l’informazione che cercavi, vuoi sapere di più o hai domande da porre, scrivimi senza problemi e se posso ti aiuterò]
[Per maggior privacy puoi scrivere usando l’email. Il mio indirizzo è: antveral@hotmail.it ]
[Di qualsiasi natura sia la tua domanda, non aver vergogna o paura, non ce n’è motivo!]
[Anonimo/a  sei ed anonimo/a  resterai]

Somebody asked me to translate into English  this post  and I did it

DOMANDE SUL SESSO DA PARTE DEI RAGAZZI

(Ultima Parte)
La fimosi presente già alla nascita spesso tra movimento del prepuzio ed erezioni, si risolve spontaneamente durante la crescita del bambino. Per me la colpa maggiore è dei genitori o del pediatra di base, che, durante l’infanzia e la prima adolescenza, dovrebbero controllare certe cose. Le cose importanti da verificare a quell’età sono la discesa dei testicoli nello scroto, la presenza di liquido (vedi appresso), e il movimento del prepuzio, per permettere anche una migliore pulizia del glande. Per i ragazzi spesso è la vergogna che li porta a non confidarsi con i genitori andando incontro, nella migliore delle ipotesi, ad una vita sessuale insufficiente e insoddisfacente. La Fimosi può essere più o meno severa e, pertanto, o si risolve con un piccolo taglietto o con l’asportazione totale del prepuzio (circoncisione).
Il Frenulo corto riduce il movimento del prepuzio spesso procurando dolore durante l’atto sessuale e, lacerandosi, può anche sanguinare. Anche in questo caso un semplice intervento in day-hospital risolve definitivamente il problema. In entrambi i casi è consigliabile intervenire durante la pubertà così da avere un pene ben formato ed una serena adolescenza oltre che, ovviamente, una migliore attività sessuale.
A cosa servono i testicoli?
Per chi non lo sapesse, servono a produrre lo sperma, il seme che serve a fecondare (mettere incinta) una donna e trasferirgli il nostro patrimonio genetico. Lo sperma viene fuori con l’eiaculazione quando, al termine dell’atto sessuale o masturbazione, si raggiunge l’orgasmo che rappresenta il momento di massimo piacere. [qui per qualche video: Ejaculation Educational Demonstration.OGG , http://en.wikipedia.org/wiki/File:Ejaculation_Educational_Demonstration.OGG , ] [immagini: http://www.nightcharm.com/imagesblog/2007/10/big_gay_male_cum_shots.jpg ,http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/fc/Ejaculation_scatter_pattern.ogv/mid-Ejaculation_scatter_pattern.ogv.jpg , http://nibblebit.com/wp-admin/user_content/7132358bd3c1f11f54591cd04ac1bdf5.jpg , http://www.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/55497/wank-01.jpg]
Grandezza dei testicoli.
3×2 cm., ma uno dei testicoli può essere più lungo e grande dell’altro (in genere quello sx. ). Non si sa di sicuro il perché e secondo alcuni tale disparità eviterebbe l’urto tra i testicoli durante i movimenti. [qui testicoli in fase di sviluppo:
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/40/Testicular_size.jpg , qui testicoli già sviluppati: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/a4/Hanging_testicles.JPG , http://www.mensfaq.com/en/blog/wp-content/uploads/2006/09/_d.jpg ]

Perché mi manca un testicolo?
Perché un testicolo risale e scompare nell’inguine?
Testicoli mobili.

Entrambi i testicoli fin dalla nascita dovrebbero essere presenti nello scroto. Spesso capita che entrambi o solo uno non discenda automaticamente [clicca qui per vedere casi di uno o entrambi i testicoli non discesi:
http://draijazsoomro.files.wordpress.com/2009/03/left-undescended-testis.jpg http://faculty.mdc.edu/jmcnair/undescended%20testis.jpg  ,  http://www.tefvater.org/renal/images/undctest2.jpg , http://www.tefvater.org/renal/images/undctest2.jpg , http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/0/06/Hidden_testicles.JPG , http://www.meddean.luc.edu/lumen/MedEd/urology/udtexam.jpg]
Non è normale la risalita dei testicoli al di sopra dell’inguine o la presenza di liquido nel sacco.
Nel primo caso si tratta della mancata chiusura del canale che alla nascita ha trasportato i testicoli giù nello scroto. Infatti, i testicoli dovrebbero scendere subito dopo la nascita, e i canali richiudersi in poco tempo. Il testicolo può così risalire e rimanere troppo nell’inguine mettendo a rischio la sua funzionalità. Se invece non è proprio disceso, durante lo sviluppo c’è il rischio che muoia prima che possa svilupparsi. Si parla di testicolo ritenuto e occorre intervenire chirurgicamente prima della pubertà per portare il testicolo nello scroto e salvarlo.
Ho acqua nello scroto?
In questo caso si parla di Idrocele –  termine che indica presenza di acqua nel sacco. [immagini:
http://www.surgical-tutor.org.uk/pictures/images/hne&p/hydrocele.jpg , http://www.koori-childrens-clinic.com/hydro.jpg , http://www.cai.md.chula.ac.th/lesson/atlas/G/ImgBig/IMG0011.jpg  , http://www.prohealthsys.com/physical/images/genital-hydrocele4.jpg  , http://www.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/55497/scrotal_swelling_clip_image002.jpg ]
Può capitare che durante la discesa dei testicoli del liquido (siero) accompagni i testicoli e rimanga nello scroto sigillato. A volte tale liquido viene lentissimamente assorbito dal tessuto durante gli anni. Nulla di grave, se non ci sono infezioni e se si elimina però, chirurgicamente, prima dello sviluppo, altrimenti si rischia di perdere il testicolo.
Vi sono altre malformazioni, ma non è certo questo il sito adatto per parlarne.
Perché mi fanno male i testicoli?
Dolore ai testicoli.
Il dolore improvviso ai testicoli, non dovuto ad urti o schiacciamenti, può essere sintomo di  qualcosa che non va, specialmente se il dolore persiste per molto tempo o per giorni. Le cause possono essere varie. Tra le più diffuse accenno al Varicocele che può presentarsi durante lo sviluppo sessuale e che consiste in un rigonfiamento delle vene attorno al testicolo. Durante lo sviluppo c’è una maggiore affluenza di sangue e quindi la possibilità che qualche vena diventi varicosa. [qui alcune immagini:   http://www.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/55497/Varicocele.jpg , http://www.theturekclinic.com/images/varicocele/image2.png , http://www.andrology.com/images/diagnosis.jpg , http://med.umich.edu/intmed/infectious/Case12-826.jpg , http://www.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/55497/varicocele1.jpg ]
Tale situazione, se non curata, può danneggiare il testicolo. Diversa cosa sono i fenomeni dolorosi dell’Orchite e quelli soprannominati in inglese “palle blu“.  Il primo è dovuto ad una infezione batterica con vistoso ingrossamento dei testicoli e pertanto, dovrebbe essere curata. La seconda si riferisce ad una semplice congestione testicolare e si presenta spesso dopo ripetuti casi nei quali, volutamente, si blocca  e si trattiene l’eiaculazione durante l’atto sessuale. In questo caso basta eiaculare ed evitare successivamente di trattenere l’eiaculazione. In ogni caso, se il dolore permane è consigliabile parlarne col medico.  
Concludo consigliando a tutti, giovani ed anziani, di fare periodicamente dei check-up manuali ai testicoli per verificare che forma, dimensione e contenuto non presenti anomalie. Infatti, il tumore ai testicoli, alquanto diffuso, molto spesso si presenta senza sintomi e solo noi stessi, che conosciamo bene i nostri testicoli, siamo in grado di capire in tempo se qualcosa non va. Per farlo, basta perdere pochi minuti semmai mentre si fa la doccia o si è in bagno e preso tra le mani un testicolo, lo si comincia a palpare ed esaminare  delicatamente in tutta la sua interezza verificando anche il sacco circostante e l’epididimo attaccato al testicolo. Si dia un’occhiata per verificare colore e omogeneità del tessuto, chiaramente visibile al di sotto del piccolo strato di pelle esterna dello scroto. Ripetere lo stesso procedimento con l’altro testicolo ed è fatta. Conoscendo il nostro testicolo saremmo subito in grado di capire, in futuro, se c’è qualche rigonfiamento o nodulo estraneo e correre ai ripari prima che sia troppo tardi. [immagini: http://www.prohealthsys.com/physical/images/genital-testicular-exam.jpg , http://2.bp.blogspot.com/_AYwY74fDryU/SktX53VxYuI/AAAAAAAAQB0/t6SF6RtbwCY/s400/man+testicles+picture.jpg]
 
Perché i testicoli stanno appesi nello scroto?
A cosa serve il sacco?.
Lo scopo dello scroto è quello di allontanare i testicoli dal corpo e mantenerli ad una temperatura più bassa rispetto a quella del corpo. I testicoli e lo sperma non sopportano temperature più alte e già la normale temperatura corporea è alta per il loro ottimale funzionamento. Lo stato del sacco e la quantità dello sperma dipendono proprio dalla temperatura a cui essi si trovano. [ http://content.worldgroups.com/GRP008/GrpPhotos/M/MALEART/070813/110325000.JPG ]
Perché i testicoli sono raggrinziti?
Perché lo scroto (il sacco) è più disteso o più contratto?
In genere, in presenza di caldo, lo scroto tende ad allungarsi mentre in presenza di freddo ad aggrinzirsi.
 
Perché quel dolore dopo l’eiaculazione?
Dopo l’eiaculazione, i testicoli  iniziano da subito a ripristinare i livelli di testosterone, necessari anche a bloccare l’azione di quegli altri prodotti dalla prostata, che nel frattempo stanno procurando la contrazione dei muscoli e l’abrasione dei testicoli per ottenere appunto l’eiaculazione.  Se il livello di testosterone è troppo basso, non avviene tale bilanciamento con conseguente dolore alle fasce muscolari, ai testicoli e nell’inguine. E’ ovvio che una seconda eiaculazione, laddove possibile, aggrava la situazione. In questo caso è chiaro che è solo un fatto ormonale non preoccupante, anche se facilmente curabile.
 
Perché i testicoli sono così dolorosi agli urti?
Perché i testicoli sono molto sensibili?
Considerate che i testicoli (gonadi) rappresentano l’unico organo che permette di procreare, conservando il nostro patrimonio genetico. Sono quindi il nostro “tesoro” personale e per tale motivo madre natura li ha resi molto sensibili, rendendoli molto dolorosi anche al più piccolo tocco. In caso di un urto, che rientra nei limiti dell’accettabilità, a parte il dolore, non ci si dovrebbe preoccupare molto, ma avere l’accortezza di controllare al tatto tutta la struttura del testicolo anche a distanza di giorni per verificare che non vi siano variazioni. E’ ovvio che se il dolore persiste o si notano delle variazioni strutturali, occorre rivolgersi al medico. 
 
 
Il nostro seme, lo sperma
 
Di che colore dev’essere lo sperma?
Il colore dello sperma non deve essere giallo o rosso! Normalmente è biancastro (bianco-grigio o bianco-perla). Ogni variazione improvvisa e persistente di colore o di consistenza dello sperma sono sintomo di un infezione in atto o di emorragie.
 
Quanti spermatozoi dovrebbero esserci nello sperma emesso?
Quello che noi comunemente chiamiamo sperma è una secrezione formato da un liquido (spermatico) in cui vivono e si muovono gli spermatozoi, dai 100 ai 600 milioni.
In genere non è solo la poca quantità di sperma a rendere poco fertile l’uomo, quanto il numero e la vitalità dei suoi spermatozoi. Tale informazione si può ottenere con il semplice esame dello sperma. La quantità di sperma, così come il numero di spermatozoi presenti, non è possibile aumentarla per sfizio. In caso di problemi di fertilità sarà l’andrologo o l’urologo a prescrivere medicinali adatti.
 
Quant’è la quantità di sperma da emettere?
Quanto tempo c’impiega lo sperma a riformarsi?
La quantità di sperma emesso varia tra  1,5 – 5 ml. ed è un fattore genetico. Condizioni fisiche, età  e il tempo trascorso dopo l’ultima eiaculazione fanno variare la quantità. Le frequenti e continue eiaculazioni abbassano il volume dello sperma emesso perché per essere prodotto completamente le ghiandole impiegano alcune settimane (1 mese circa). Praticamente, lo sperma emesso oggi sarà quello che i nostri organi hanno cominciato a produrre un mese fa. Questo non significa che non possiamo eiaculare più di una volta o che non possiamo farlo ogni qualvolta ne sentiamo la necessità, a meno che non stiamo cercando di “ingravidare” la nostra partner e abbiamo problemi di fertilità. La produzione di sperma inizia con la pubertà e praticamente non finisce più fino alla morte.
 
Come viscoso o denso dev’essere lo sperma?
All’emissione lo sperma deve presentarsi viscoso al punto giusto e generalmente dopo 15 -20 min. deve liquefarsi da solo (per l’azione d’enzimi presenti nel liquido stesso e prodotti dalla prostata, che hanno il compito di rompere i legami delle molecole). Vi sono, in ogni modo, casi in cui la viscosità è troppo alta procurando una alta mortalità degli spermatozoi durante il loro normale “viaggio” all’interno della vagina, per arrivare all’ovulo (nell’utero) e fecondarlo.
 
Cosa contiene lo sperma?
Perché ha quello strano sapore e odore?
Il Liquido (plasma) seminale prodotto dall’epididimo, dalle vescichette seminali, dalla prostata e dalle ghiandole accessorie, per le sue caratteristiche chimico-fisiche ha una funzione fondamentale di veicolo e di nutrimento per gli spermatozoi. Pertanto, lo sperma contiene numerose sostanze di diversa natura:
sali, tendenti ad evitare un aumento dell’acidità del liquido che danneggerebbe la funzionalità degli spermatozoi; zuccheri, principalmente il fruttosio che svolge funzioni di materiale energetico necessario per la loro motilità; acido citrico, il cui ruolo sembra essere importante per il processo di condensazione-liquefazione dello sperma.
Il sapore e l’odore caratteristico dello sperma è proprio dovuto alla combinazione di questi componenti.
 
 
Lo sperma si può assaggiare o deglutire?
Certo!
Non fa certo male e si ingeriscono dalle 10 alle 20 calorie soltanto.
Però, tenete presente che l’atto sessuale tra persone e lo sperma sono i veicoli con cui si trasmettono malattie veneree e l’AIDS!
Pertanto, che siate uomini o donne, fate attenzione e se il caso utilizzare il preservativo.
Molti ragazzi si chiedono se possono assaggiare o mangiare il loro stesso sperma….se vi piace niente di più sicuro… no?! [ http://www.human-sperm-banks.com/free_porn/human_sperm_banks_files/sperm_r4_c1.jpg , http://www.boyspissingandcumming.com/wp-content/uploads/2008/06/eat-my-cum.jpg]
 
Perché quelle erezioni notturne?
Aiuto, eiaculo nel sonno?
 
La polluzione notturna (ovvero l’eccitazione con emissione di gocce di liquido durante il sonno) che la maggior parte dei ragazzi subisce, è il segnale della tempesta ormonale iniziata durante la pubertà. Normalmente i livelli di testosterone aumentano durante la notte e per questo, che siate adolescenti o persone adulte, l’erezione notturna o mattutina è una cosa più che normale.
Per i ragazzi, l’eccitazione è più grande e vi sono pertanto, anche delle spontanee eiaculazioni ma, se tali episodi sono molto frequenti con eiaculazioni complete allora credo sia ora di masturbarsi o di farlo più spesso…….  [ http://www.mansperm.com/media/blogs/friends/154-justin_cum_07.jpg ]
La Masturbazione 
Quante volte posso masturbarmi?
La masturbazione è dannosa per la salute?
Fino a che età ci si può masturbare?
Lo sviluppo sessuale porta anche eccitazione e la voglia di sesso è soddisfatta tramite la masturbazione. Essa non è dannosa, ed è una normale tappa dell’adolescenza.  La masturbazione NON è segno di squilibrio se fatta a 50 anni!
La masturbazione non ha età.
Si suppone solo che ad una certa età ci siano (o dovrebbero esserci) dei rapporti (più) stabili e quindi un’esigenza minore a ricorrere a questo tipo d’amore solitario.
Ovviamente non vi sono numeri prestabiliti: c’è chi ha esigenza di masturbarsi più volte al giorno e a chi basta una volta a settimana.
L’età e gli interessi giocano un ruolo importante in questo.
Inoltre, la parte genetica ha anche qui il suo ruolo, con chi (con più testosterone in circolo) si troverà in un continuo stato d’eccitazione e chi invece si ecciterà solo dopo aver visto un film hard!
Gli eccessi se vi sono possono avere complicanza solo a livello psicologico.
Il sesso (e quindi anche la masturbazione) giova alla salute ed è stato dimostrato che, tra le altre cose, evita il cancro alla prostata.
Un eccesso potrebbe, in certi casi,  essere sintomo di una qualche sofferenza psicologica.
La masturbazione non porta alla cecità, come i nostri genitori scioccamente dicevano, così come un eccesso non porta ad alcuna malattia. Solo dopo molto tempo che si è stati dediti per più volte al giorno a tale passatempo, è possibile riscontrare astenia, mancanza di concentrazione e anemia. Solo a titolo precauzionale gli sportivi evitano di fare sesso primo di una gara. In tutti gli altri casi, una normale attività masturbatoria, anche se fatta per sempre, non provoca ALCUN danno fisico o mentale! [ http://www.swinging-personals.co.uk/images/male_ejaculation_200.jpg , http://www.mansperm.com/media/blogs/friends/262-Architect.jpg ]
 
Come si esegue la masturbazione?
In che modo e dove ci si masturba?
Alcuni chiedono in che modo masturbarsi!

Che dire, ai miei tempi era tutto naturale e ovvio, si allungava la mano e senza preparazione alcuna, si muoveva il pene facendo scorrere il prepuzio su e giù, dapprima lentamente e poi con più vigore fino al raggiungimento dell’orgasmo. [clicca qui per un breve video:  http://www.penis-size-info.com/images/fsvideo.gif , http://www.swinging-personals.co.uk/images/malemasturbation3.gif

Oggi leggo che già durante la pubertà sono necessari oli, massaggi, dildi, etc. Il sesso è un arte e dev’essere fatto nel migliore dei modi così…. ben vengano tali iniziative…..
C’è chi preferisce farlo sotto la doccia, chi in bagno, comodi nel letto o in compagnia. C’è chi è talmente flessibile che curvandosi è in grado perfino di procurarsi da solo l’auto-fellatio (sesso orale).
Mattina, pomeriggio o sera, dipende dal tempo a disposizione e quando preferite farlo. Ricordatevi che il sesso concilia il sonno, quindi se fatto di sera aiuterà ad addormentarvi prima.
 
  
L’orgasmo
 
 
C’è un modo per combattere l’eiaculazione precoce?
Atto sessuale troppo breve.
Eiaculazione difficile da raggiungere o assente.
Eiaculatio precox – Con tale termine s’indicava, in medicina, un’eiaculazione talmente veloce che durante l’atto sessuale non si riusciva a mettere il pene nella vagina per ottenere una fecondazione. Oggi, invece, si indica un qualunque atto sessuale molto breve (pochi minuti) che crea insoddisfazione nell’uomo e nel partner. Nelle coppie si sa, infatti, che le donne hanno tempi di riposta leggermente più lunghi dei maschi e, pertanto, per fare in modo che anche lei possa raggiungere un orgasmo (o più) occorre che l’atto duri più. Stando alle (solite) statistiche, in media l’atto sessuale dura dai 5 ai 20 min. ma, ovviamente, il problema è in relazione alle esigenze del partner. E’ inutile preoccuparsi di avere rapporti più lunghi se poi il nostro partner si sente già soddisfatto dopo pochi minuti di sesso. Ormai tutti sanno che i preliminari diventano un passaggio importante per chi ha problemi di durata.
Il sesso non viene fatto solo con gli organi preposti, ma principalmente con la testa. Stare sereni mentre si fa sesso è la cosa più importante. Una persona mi raccontò che durante l’atto sessuale e prevalentemente quando avvertiva che l’eccitazione stava arrivando, cominciava a pensare a cose che generalmente lo turbavano o lo innervosivano (situazioni accadute, tasse da pagare, impegni, ecc.). Era giusto un modo per diminuire l’eccitazione, per deviare la mente e avere la possibilità di rimandare l’eiaculazione. In tal modo, pian piano e con la giusta scelta dei tempi, era riuscito a prolungare i suoi atti sessuali di 10 min. Oggi, con l’aiuto di alcuni medicinali (in genere quelli antidepressivi) si può migliorare. Al contrario poi, vi sono persone che arrivano all’orgasmo con molta difficoltà o che non vi arrivano affatto. Anche qui il problema è mentale e psicologico con qualche “ansia nascosta” che blocca e rimanda l’eiaculazione. Una volta ho letto che spesso, chi non riesce ad eiaculare durante i normali rapporti sessuali con la propria donna, è perché durante l’infanzia/adolescenza ha avuto un rapporto conflittuale con la propria madre, una sorta di complesso Edipo-simile per il quale la persona blocca inconsciamente l’eiaculazione per evitare la fecondazione… come se il partner in quel momento rappresentasse la madre. In ogni caso, se vi trovate in questa situazione, vi consiglio di consultare qualche psicologo.
 
E’ possibile avere più orgasmi?
Per le donne è un fatto normale dal momento che per loro l’orgasmo non coincide con l’eiaculazione (le donne non hanno eiaculazione!), ma è solo un momento in cui il piacere raggiunge l’apice. Ma vi sono donne che emettono del liquido durante l’orgasmo. Per gli uomini, invece, diventa un’eccezione perché generalmente dopo l’emissione di sperma, l’organismo fa in modo che l’eccitazione cessi e il sangue defluisca dal pene. Bisogna pensare che lo scopo dell’atto sessuale è, evolutivamente, quello della procreazione, pertanto, più atti consecutivi non avevano evolutivamente senso.
Nei giovanissimi a volte bastano dai 10 ai 20 minuti perché l’eccitazione ritorni e la possibilità di avere una nuova erezione. In generale, vi sono persone a cui basta poco tempo per essere “pronti” ed altri, invece, a cui occorrono molte ore.  Niente di strano o anormale, anche qui è un fatto costituzionale, voglio dire personale e genetico. E’ ovvio che con l’età il tempo di recupero si allunga. Poche persone, invece, hanno la capacità di avere un secondo atto sessuale consecutivo, senza una sensibile perdita d’erezione.
Dal punto di vista sessuale, esse sono delle persone geneticamente fortunate.
Il Viagra, d’altronde, non serve a questo e non dovrebbe essere usato dai giovani per questo scopo. Qualcuno pensa alla pillola blu come a quella capace di tutto. Invece, deve essere usata solo da chi ha problemi erettili. E’ normale che nei giovani (senza problemi d’erezione) anche una piccola dose provoca un’erezione “forzata” ed extra che molti sfruttano per guadagnare quei minuti di tempo necessari al recupero e passare poi per dei Superman.  
 
  
 
La Vagina
 
Quanto è grande la vagina? 
La Vagina  (per le donne bianche adulte) è lunga in media circa 7 cm.  Ma dovete sapere che è un organo molto elastico e durante l’eccitazione sessuale può aumentare di volume fino a raggiungere lunghezze di 20 cm.!
Possiamo affermare che, entro certi limiti, essa si adatta al membro che la sta penetrando. Nelle donne nere (africane) la vagina è qualche cm. più grande (ecco perché i peni dei neri sono, probabilmente, più lunghi). Alle ragazze che si domandano se la loro vagina è appropriata per il pene del loro ragazzo, dico solo di non preoccuparsi, con peni dai 5 ai 20 cm. non vi sono problemi.
Quei pochi sfortunati che superano tali dimensioni dovranno prendere le precauzioni del caso.
La donna si masturba?
Come si masturba una ragazza?
Anche le donne si masturbano… perché non dovrebbero?! Non c’è alcuna vergogna in questo.
In genere la masturbazione coinvolge il clitoride che viene toccato con le dita provocando immenso piacere.
Muovendo il dito o le dita all’imbocco della vagina si esegue la “classica” masturbazione femminile.
Ovviamente vi sono donne che fanno uso di dildi o vibratori per aumentare il piacere ed avere una masturbazione più comoda e completa. Tali strumenti possono anche essere considerati “sostituti” del pene se vengono usati per delle penetrazioni, simulando così un atto sessuale. E’ chiaro che tale penetrazione va fatta se non si è più vergini o se si è decisi a perdere la verginità! (vedi Verginità più in basso). A volte alcune ragazze chiedono cosa usare per masturbarsi….. inutile storcere il naso o ridere, il sesso non è e non dev’essere considerato qualcosa di “sporco” o di cui vergognarsi. Tutti hanno il diritto e devono avere la libertà di eseguire l’auto-eccitazione come meglio credono opportuno. In ogni caso, secondo me qui valgono le stesse cose che consiglio ai ragazzi gay che chiedono cosa usare per avere rapporti anali. In entrambi i casi si tratta di organi interni e quindi è bene fare attenzione a cosa si utilizza. Il buon senso e l’attenzione all’igiene  aiuteranno nella scelta. Posso solo consigliare di non usare oggetti taglienti o appuntiti; oggetti che possono rompersi facilmente; oggetti sporchi o non puliti e disinfettati prima di inserirli; oggetti troppo piccoli o corti che, una volta entrati, poi risulta difficile recuperare. Date la preferenza ad oggetti lunghi abbastanza da poterli reggere anche dopo averli inseriti, che siano arrotondati e di materiale robusto, meglio se elastico, liscio e facile a pulire. Detto questo, che sia un tubo o un manico sta a voi scegliere quello che avete più a portata di mano. [ http://www.swinging-personals.co.uk/images/dildo-fuck1_200.jpg , http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b6/Masturbating_hand.jpghttp://www.seemygf.com/fhg/smg45/09a/images/12.jpg , http://www.hot-nudegirls.com/images/pretty-girl-masturbating.jpg ]
 
Esiste il punto G?
Non è mai stata scientificamente dimostrata la reale presenza del punto “G”, ma molte donne hanno una piccola zona all’interno della vagina che se stimolata, regala una eccitazione più grande. Indubbiamente, le donne godono più volte e più intensamente dell’uomo. Perfino il rapporto anale, che può essere una valida alternativa nei periodi fertili (per evitare l’uso del preservativo, per esempio) diventa per lei un atto eccitante. Infatti, in alcuni punti la vagina dista giusto pochi millimetri dal retto. Con certezza non si sa dove tale punto sia e può darsi che la sua posizione vari perfino da donna a donna. Provate varie posizioni e sarà lei a dirvi qual’è quella che gli procura più piacere.
 
Se la donna rimane incinta, si può fare ancora sesso?
Non si può rimanere incinte due volte, ok?
Se la vostra donna è incinta, gli atti sessuali successivi non saranno rischiosi sotto questo punto di vista, anzi, per qualche coppia quello diventa giusto il periodo in cui darsi …. alla pazza gioia….. almeno fino a quando non sopraggiungono rischi per il feto.
 
E’ rischioso infilare il preservativo solo poco prima dell’eiaculazione?
Lo sperma lasciato  vicino la vagina è rischioso?
Le ragazze durante il periodo fertile (prima o dopo la mestruazione) devono fare attenzione perché perfino lo sperma lasciato nelle vicinanze della vagina potrebbe risultare rischioso per un’eventuale fecondazione. Conoscete i girini che si muovono nell’acqua? Beh, il paragone con gli spermatozoi può calzare. Qualche ragazzo pensa che lo sperma venga fuori solo durante l’orgasmo e così decide di infilare il profilattico solo verso la fine del rapporto. Invece si sbaglia, perché anche durante il rapporto può esserci il rilascio involontario di qualche goccia di sperma (in inglese precum) e comunque spesso, quando l’eiaculazione sta arrivando, risulta molto difficile estrarre il membro o farlo in tempo! Cercate, infine, per essere al sicuro al 100% di evitare che lo spermi tocchi la vagina o di giocarci con le mani che hanno manipolato profilattico o pene dopo l’eiaculazione. 
La donna ha orgasmi simili all’uomo?
La donna non ha eiaculazione anche se l’eccitazione della vagina porta spesso alla produzione di un liquido (lubrificante) a volte anche in quantità abbondanti che qualcuno paragona erroneamente all’eiaculazione. Come detto prima, nella donna l’orgasmo non rappresenta un culmine inteso come un finale teso al concepimento, ma è solo un momento in cui l’eccitazione raggiunge un picco massimo e c’è più godimento con possibili contrazioni ritmiche della vagina. Pertanto la donna ne può avere più di uno e a volte anche molti. Si definisce “frigida” la donna che, invece, non raggiunge facilmente tali apici. In genere l’orgasmo femminile è dovuto alla concomitante stimolazione del clitoride (orgasmo clitorideo) e della vagina (orgasmo vaginale) che insieme provocano una goduria più grande. paragonabile a quella dell’uomo durante l’eiaculazione. Come nell’uomo, la mancanza di orgasmo nella donna può essere dovuta a fattori ormonali o psicologici.
 
Verginità
Cos’è la verginità?
Nelle donne la verginità è rappresentata da un vero e proprio organo chiamato Imene.

[ imene integro: http://www.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/55497/hymen_annular.gif , imene non più presente: http://www.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/55497/hymen_parousintroitus.gif ] [Imeni ben visibili: http://www.lastradaweb.it/images/Cartella1/Ogf1.jpg , http://faculty.mdc.edu/jmcnair/hymen3.jpg , http://www.surfaceridermovies.com/previews/vivien/images/hymen.jpg , http://1.bp.blogspot.com/_hr8iaA4NHXQ/STpakGO8F9I/AAAAAAAAEFY/eQXvWp8mJkA/s400/vagina+hymen.jpg , http://hymen-sex.net/unbroken-hymen.jpg]

Si tratta diun sottile e piccolo velo posto su all’interno della vagina.
Durante la penetrazione il pene rigido occuperà l’intera antro vaginale rompendo o lacerando inesorabilmente quel delicato velo. Secondo il suo spessore, l’uomo può o meno avvertire tale deflorazione che a volte può portare perfino ad un momentaneo sanguinamento della vagina.
I tamponi per le mestruazioni fanno perdere la verginità?
L’utilizzo dei tamponi interni durante il mestruo non dovrebbe comportare rischi per la verginità, considerata la loro piccola dimensione. Lo stesso vale per la masturbazione se è fatta con le dita ed è prevalentemente limitata alla stimolazione del clitoride. Invece, l’uso dei vibratori o dildo, specie se inseriti in vagina, faranno perdere irrimediabilmente la verginità come se fossero dei “peni” e si stesse portando avanti un completo atto sessuale. Non voglio con questo incutere timori o rimorsi… sta a voi decidere come meglio perdere la vostra verginità e come masturbarvi e godere seguendo il vostro istinto e le vostre esigenze. Una volta l’integrità dell’imene era un requisito indispensabile che una donna doveva avere per sposarsi mentre oggi ha perso la sua importanza ed ognuno da un proprio valore alla verginità.  
 
Come si stabilisce che una ragazza non è più vergine?
Stando a cosa detto prima, l’esame sulla verginità può essere fatto solo da una persona competente (ginecologo) che dopo un controllo accurato (ad occhio nudo), può verificare se l’Imene è ancora presente, lacerato o completamente assente.
 
Si può ricreare la verginità?
Non è cosa semplice! Sarebbe possibile con un intervento di chirurgia plastica, utilizzando, però, un qualcosa simile all’Imene!
Che sia rotto o distrutto completamente (scomparso), l’imene non ritorna più.
 
Anche gli uomini perdono la verginità?
Assolutamente no!
All’esterno o all’interno del pene, gli uomini, non hanno alcun organo o sistema simile all’Imene presente nella vagina di tutte le donne.
Nonostante ciò, è d’uso comune dire che un ragazzo è vergine o che ha perso la verginità.
Sono solo modi di dire per indicare una persona che non ha mai fatto sesso o che viceversa, ha avuto la sua prima esperienza. Possiamo dire che un ragazzo perde la verginità, nel momento in cui copula (ha una penetrazione), pertanto la masturbazione non viene presa in considerazione.
 
L’atto anale è rischioso?
Se per rischio ci si riferisce a mettere incinta o far perdere la verginità ad una ragazza, la risposta è NO, non c’è alcun rischio. Eiaculare nell’ano non mette incinte!
L’ano non ha niente a che fare con la vagina così come nell’uomo non ha niente a che fare col pene. Nel momento di massima fertilità della donna si dovrà solo fare attenzione a dove lo sperma accidentalmente va a posarsi.
 
Sessualità
 
Prima di terminare, voglio mettere in guardia tutti voi dal pericolo infezioni malattie sessuali incluse HIV e AIDS.
Malattie gravi che si trasmettono col sangue e con lo sperma.
Agli scettici e superficiali chiedo: “A chi non è mai uscito un poco di sangue dalle gengive (bocca)? Alla stessa stregua, come sapere a priori che non vi siano delle abrasioni a livello anale o vaginale? Pertanto che si tratti di un “pompino” o di un “rapporto anale”, il rischio non cambia. Il preservativo (condom) è utile per evitare infezioni così come è il più sicuro (insieme alla pillola) anticoncezionale in uso.
Conviene non usarlo solo in caso di conoscenza profonda e sicura del partner e quando ovviamente non c’è rischio di procreazione.
 
In merito alle diverse sessualità, voglio solo accennare che è ormai provato scientificamente che esse sono dovute ad una concomitanza di fattori interni ed esterni che avvengono dalla procreazione all’adolescenza (fattori genetici, intrauterini, sociali, ambientali, ecc.) Pertanto se durante la pubertà vi sentite attirati dall’amica del cuore, dal compagno di banco o sentite che il vostro sesso non vi appartiene, questo non deve essere motivo di preoccupazione ed è inutile pensare che si tratti di una “malattia” da rinnegare e curare a tutti i costi. [ http://www.aussiespeedoguy.com/underwear/speedocouple.jpg , http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Girl_Love.jpghttp://blog.maniacpass.com/wp-content/uploads/2008/02/solo-shemale_013008-1.jpg ]
Essere gay o trans non è mai stata una condizione facile, ma di certo oggi c’è molta più apertura mentale anche se sarebbe opportuno per tutti avere una visione scientifica della sessualità. Le cose da dire sarebbe tante ma non mi ero prefisso di entrare in tale ambito.
 
Concludo con l’augurio che qualunque siano le vostre misure, capacità e tendenze sessuali possiate avere una felice e appagante vita sessuale.
E’ una cosa importante, perché la sessualità deve essere vissuta interamente, senza pregiudizi o tabù!
Fa parte della vostra vita, quindi abbiate il coraggio di viverla pienamente specialmente durante la giovinezza. 

 
 
 
[Di qualsiasi natura sia la tua domanda, non aver vergogna o paura, non ce n’è motivo!]
  [Il mio indirizzo è:  antveral@hotmail.it ]
 
   
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a YAHOO!ANSWERS 2

  1. Ali ha detto:

    Breve e interessante articolo su la ringrazio per le foto è stata interessante e accurata

    Mi piace

  2. garcinia cambogia ha detto:

    Its like you read my thoughts! You seem to know a lot about
    this, like you wrote the guide in it or something. I think
    that you simply could do with some % to pressure the message house a little bit, however other than that, this is fantastic blog. A great read. I will certainly be back.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...