Poesie Erotiche

 

 

POESIE EROTICHE NAPOLETANE

 

 

 

 Qualcuno sostiene che questi versi risalgono al tardo 800 e che sono di noti autori napoletani (Ferdinando Russo ?) i quali, per l’oscenità dei temi trattati, hanno preferito lasciarli anonimi! Ebbi modo di leggere una piccola raccolta di questi scritti quand’ero un ragazzo, ed  oggi, a distanza di molti anni li ho riletti.

 Al di là della pura volgarità che qualche brano porge irriverentemente, altri sono divertenti dando uno spaccato della vita popolana del periodo cui si riferiscono. Comincio a porvi le prime tre, con la promessa di postarne altre successivamente.

 

 

‘O Pireto

Si siente quarche pireto
tu no, nun ce fa caso
ma si t’appile ‘o naso
male nun faje, nenné …

‘O Pataterno, càspeta,
ce ha fatto stu pertuso
e ‘o pireto bruruso
sempe ce po’ scappà.

Sfoca! Pecché si spànteche
e ‘o stomaco se sgoffa,
ne scarreche na loffa
ca puzza comm’a cché!

Pircio’ caccia stu pireto,
càccialo stu remmore!
Pure si po’ l’addore
nun è de basciuli’…

 

 

 

‘A Mugliera

 

Io credo che sarrà nu giuramento

c’avarrà fatto sta mugliera mia

chill’’e me scassà ‘o cazzo ogne mumento

‘e juorno, ‘e sera, ‘e notte; è na mia.

 

Però io penzo ca nun è sul’essa,

pecché cu quanta amice aggio parlato

ognuno ha ditto ca ‘a mugliera è a stessa.

Quindi, cca nce starrà ‘nu cumitato

 

ca certamente ‘e mpara ‘a lezione,

diversamente nun se pò spiegà,

me pare ’o riturnello ‘e na canzone,

ca se mparano primmo ‘e se spusà.

 

Dice però…. ‘o marito pure scassa…….

Ma chesto ‘o ffa ‘na vota sulamente,

sulo ‘a sera che che sposa e doppo basta;

pecché nun tene ‘a le scassà cchiù niente.

 

Mentre la moglie se lo lega al dito

e dice: M’hê scassata ‘a fessa a mme?

E dal momento ca me si’ mmarito

continuamente io scasso ‘o cazzo a tte!

 

 

 

 Strunzo!

 

Strunzo!

Nturcegliato a fronna ‘e turtaniello!

Qua’ culo t’ha cacato meglio ‘e n’ato?

Nu culo ‘e monaca,

nu culo ‘e  prevete,

nu culo ‘e na riggina o ‘e nu rignanto,

nu culo a ffuculare ‘e int’’a a Mberciata?

 

Siente!

Tu pe mme si’ sempe strunzo!

Ma j’ me scappello

pecché si’ ‘a mmerda è bella!

E sempe sia lotato

chillo culo fetente e cchiaveco

                                [che t’ha cacato!] 

   

Golfo di Napoli di Giovanni Battista Lusieri (1755-1821)
 
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Letteratura & Filosofia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...